Login

Registrati

Quando prenoti con un account, avrai la possibilità di tracciare lo stato del pagamento, la conferma e potrai anche valutare il viaggio dopo che avrei finito il tuo tour.
Nome Utente*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Nazione*
* Creando un'account accetti i nostri Termini di Servizio e Dichiarazione di Privacy.

Già registrato?

Login

Login

Registrati

Quando prenoti con un account, avrai la possibilità di tracciare lo stato del pagamento, la conferma e potrai anche valutare il viaggio dopo che avrei finito il tuo tour.
Nome Utente*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Nazione*
* Creando un'account accetti i nostri Termini di Servizio e Dichiarazione di Privacy.

Già registrato?

Login

-Domenica 22 novembre mattina: Un “nido di vespe”: il Quadraro, da borgata a Museo di Street Art (in collaborazione con Ecomuseo Casilino)

0
Prezzo
Al prezzo di€ 15
Prezzo
Al prezzo di€ 15
Il tour non è ancora disponibile

Procedi con la Prenotazione

Aggiungi a Lista Desideri

Per inserire un oggetto nella lista dei desideri devi essere registrato

39

Perché prenotare con noi?

  • Nessun problema miglior prezzo garantito
  • Servizio Clienti
  • Tour e Attività selezionate
  • Assicurazione gratuita sui viaggi

Hai bisogno di aiuto?

Contattaci! Studieremo insieme l'offerta più adatta alle tue esigenze.

 0643252797

3426684680
roma.pittaluga@vivereeviaggiare.it

Appuntamento: ore 10: ingresso Parco Monte del Grano, via Asconio Pediano (presso Piazza dei Tribuni)
€ 15 compresa guida e radioline 
Una passeggiata insolita in un quartiere popolare che da qualche anno, grazie ai progetti dell’Ecomuseo Casilino e MURo (Museo di Urban Art di Roma), inizia a suscitare sempre maggior interesse e ad attirare visitatori interessati a conoscerne le origini, le vicende legate agli anni della Guerra, le trasformazioni urbanistiche degli anni Cinquanta e le meravigliose opere di Street Art che lo rendono un vero Museo a cielo aperto. Sono proprio queste opere che rievocano la fiera resistenza durante l’occupazione nazista, che valsero al quartiere il nome di “nido di vespe”; ricorderemo il rastrellamento del 17 aprile 1944, lo sviluppo della borgata proprio durante gli anni della guerra e in quelli immediatamente successivi, i progetti di riqualificazione dell’Ina Casa Tuscolano, non dimenticando le importanti testimonianze archeologiche dell’area, come il Mausoleo del Grano e gli acquedotti romani.
Sono tanti, dunque, i motivi per cui questo itinerario è assolutamente da non perdere!
Foto