Vacanze in sicurezza! Una super promo valida fino al 30.06.2021
Scopri di più

Login

Registrati

Quando prenoti con un account, avrai la possibilità di tracciare lo stato del pagamento, la conferma e potrai anche valutare il viaggio dopo che avrei finito il tuo tour.
Nome Utente*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Nazione*
* Creando un'account accetti i nostri Termini di Servizio e Dichiarazione di Privacy.

Già registrato?

Login

Login

Registrati

Quando prenoti con un account, avrai la possibilità di tracciare lo stato del pagamento, la conferma e potrai anche valutare il viaggio dopo che avrei finito il tuo tour.
Nome Utente*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Nazione*
* Creando un'account accetti i nostri Termini di Servizio e Dichiarazione di Privacy.

Già registrato?

Login

-Domenica 22 novembre mattina: Un “nido di vespe”: il Quadraro, da borgata a Museo di Street Art (in collaborazione con Ecomuseo Casilino)

0
Prezzo
Al prezzo di€ 15
Prezzo
Al prezzo di€ 15
Il tour non è ancora disponibile

Procedi con la Prenotazione

Aggiungi a Lista Desideri

Per inserire un oggetto nella lista dei desideri devi essere registrato

101

Perché prenotare con noi?

  • Nessun problema miglior prezzo garantito
  • Servizio Clienti
  • Tour e Attività selezionate
  • Assicurazione gratuita sui viaggi

Hai bisogno di aiuto?

Contattaci! Studieremo insieme l'offerta più adatta alle tue esigenze.

 0643252797

3426684680
roma.pittaluga@vivereeviaggiare.it

Appuntamento: ore 10: ingresso Parco Monte del Grano, via Asconio Pediano (presso Piazza dei Tribuni)
€ 15 compresa guida e radioline 
Una passeggiata insolita in un quartiere popolare che da qualche anno, grazie ai progetti dell’Ecomuseo Casilino e MURo (Museo di Urban Art di Roma), inizia a suscitare sempre maggior interesse e ad attirare visitatori interessati a conoscerne le origini, le vicende legate agli anni della Guerra, le trasformazioni urbanistiche degli anni Cinquanta e le meravigliose opere di Street Art che lo rendono un vero Museo a cielo aperto. Sono proprio queste opere che rievocano la fiera resistenza durante l’occupazione nazista, che valsero al quartiere il nome di “nido di vespe”; ricorderemo il rastrellamento del 17 aprile 1944, lo sviluppo della borgata proprio durante gli anni della guerra e in quelli immediatamente successivi, i progetti di riqualificazione dell’Ina Casa Tuscolano, non dimenticando le importanti testimonianze archeologiche dell’area, come il Mausoleo del Grano e gli acquedotti romani.
Sono tanti, dunque, i motivi per cui questo itinerario è assolutamente da non perdere!
Foto